New In! Greta | In Moda Veritas

Buongiorno!
Oggi conosciamo Greta, fashion blogger di In Moda Veritas, che presto potrete seguire anche su PashionVictim. L’abbiamo intervistata per sapere come è nato il suo blog e cosa si aspetta da questa nuova avventura.

greta | In Moda Veritas victim

Ciao Greta, raccontaci come è nata l’idea di In Moda Veritas!
Ciao a voi! L’idea di In Moda Veritas è venuta in modo spontaneo. Ho aperto il mio primo blog nel 2005 e nel corso degli anni ne ho aperti e chiusi diversi su svariate piattaforme. Poi nel 2010, a termine di un percorso di riflessione nel quale mi sono chiesta come potevo coltivare le mie passioni (moda e scrittura) e combinarli ai miei studi di comunicazione, ho deciso che il blog fosse il modo più semplice, democratico e veloce per arrivare al pubblico. E così nel dicembre 2010 ho aperto In Moda Veritas.

Da quanto tempo sei a tutti gli effetti una fashion blogger? Raccontaci una tua giornata tipo!
Il blog è andato online il 4 dicembre 2010 e da quel momento non mi sono mai fermata! La mia giornata tipo? Mi sveglio, faccio colazione, mi lavo e mi vesto, dopodiché accendo il computer e contemporaneamente iphone e ipad. Dopo aver fatto ricerca per i contenuti e le immagini, preparo il post del giorno, lo promuovo su varie piattaforme e aggiorno la pagina fb del blog, nonché i vari social. Dopodiché leggo e rispondo all’e-mail, valutando le possibili collaborazioni che arrivano. In pratica il blog occupa gran parte della mia giornata, ma cerco (anzi devo) di ritagliarmi spazi per studiare ed uscire con gli amici! A volte vorrei giornate di 48h o il dono dell’ubiquità!

Quali sono a tuo avviso gli elementi che differenziano una blogger professionista da una blogger amatoriale?
Dopo un po’ che si possiede un blog viene naturale cominciare a mettere più attenzione nella cura dei contenuti, nella selezione delle collaborazioni e nella composizione delle foto. Chi è agli inizi, è elettrizzato da ciò che lo circonda perché è tutto nuovo. Col tempo l’attenzione alla qualità prende il sopravvento e diventa un elemento irrinunciabile.

Che consigli ti senti di dare a chi è alle prime armi?
Prima di tutto di avere una forte passione ma anche molta pazienza, perché per vedere i risultati ci vuole un po’ di tempo. Non si devono abbattere perché chi si impegna, prima o poi viene sempre ripagato dei sacrifici. Infine, consiglio a tutti di aprire un blog solo se si è davvero motivati: se il principale interesse è quello di ricevere prodotti in omaggio, i presupposti sono sbagliati ed è meglio che rivolgiate l’attenzione verso altro.

Qual è lo stile che ti rappresenta maggiormente?
Direi uno stile minimal e casual chic. Ho una specie di divisa: blazer, vestitino e tacchi alti ovviamente!

Quanto ritieni importante l’attività di coolhunting per un fashion blogger?
Penso siano fondamentali per offrire al pubblico qualcosa di insolito, diverso, che non sia già visto. In questo modo il tuo blog può differenziarsi dal resto e tu hai maggiori chance di essere notato dalle persone più influenti del settore.

All’interno delle tue collaborazioni, credi di aver individuato brand particolarmente promettenti?
Grazie al blog ho avuto fortunatamente modo di collaborare con molti giovani. Sono entrata in contatto con realtà fresche, innovative e ricche di spunti interessanti. Molti designer emergenti che ho avuto la possibilità di conoscere hanno partecipato a Who’s on next, Alta Roma e Pitti Immagine Uomo, quindi mi ritengo fortunata. Tra di loro, i miei preferiti sono Barbara Casasola, San Andrès Milano, About me Jewels di Chiara Elisa Vignato (che ormai sono lanciatissimi) e greta tee di Greta Taddeolini, che ormai non è più una designer ma anche un’amica e abbiamo grandi progetti insieme… dita incrociate e stay tuned!

Sei tra le prime blogger ad essere ammesse all’interno di PashionVictim, cosa ti aspetti da questo nuovo progetto? Cosa ti ha spinto a candidarti?
Sono felice ed elettrizzata di far parte del progetto e sono pronta a tutto. Ciò che mi ha spinto a candidarmi per PashionVictim è la possibilità di entrare in contatto con diversi designer emergenti provenienti da tutto il mondo e avere l’opportunità di lavorare con loro. Per me i giovani sono la nuova linfa vitale del settore moda, il cambiamento, la sferzata di energia di cui abbiamo bisogno. E’ fantastico avere la possibilità di conoscerli e di farli scoprire ai miei lettori!

Condivido pienamente il tuo pensiero Greta! Benvenuta su PashionVictim 🙂

Hi Greta, nice to meet you! How is ‘In Moda Veritas’ blog born?
Hi guys! In Moda Veritas was born in a very spontaneous way. I’m a blogger since 2005 and during this time I’ve opened and closed a lot of blogs. Then, in 2010, I’ve asked myself how I could combine my biggest hobbies (fashion and writing) with my communication studies. I’ve decided that the blog was the simplest, the most democratic and the fastest medium to reach the public and share with that my passions. So, in December, 2010, In Moda Veritas went online.

How long have you been blogging as a professionial fashion blogger? How is your ordinary day?
My blog went online on December, 4th, 2010 and since then I’ve never stopped. My ordinary day? I wake up, have breakfast and a shower, I dress up myself, then I turn on my computer and my iphone and ipad at the same time. Then, after a specific research, I write and publish my daily post by promoting it also on facebook and google+, I update blog’s fb fan page and my social networks. Then it’s the “e-mails time”: I read all the e-mails to choose cooperations for the blog. Honestly, the blog occupies most of my days, but I try to have a bit of free time for studying and going out with my friends. I wish my day lasts 48h or I had the gift of ubiquity!

In your opinion, which is the difference between a professional and an amateur fashion blogger?
When you have a blog, after a while, it’s naturally to put more attention in the care of the content, in the selection of collaborations and in the composition of your photos. At the beginning, everything is amazing and new, but after a while, the attention to quality becomes an essential element and one of the most important things for a blogger.

Do you have any advice for beginner fashion bloggers?
First of all, to have a huge passion but also a lot of patience, because seeing the results takes a little time. You have not to break down, because those who undertakes in what they do, sooner or lates are always paid back for their sacrifices. At the end, open a blog only if you’re really motivated: if your main purpose is receiving free gifts, your premises are completely wrong and it’s better if you do something else.

Which style represents you the most?
I guess a minimal style, a casual chic ones. I’ve got a kind of uniform: blazer, dress and high heels, of course!

As a fashion blogger, how important is doing cool hunting? Why?
I think coolhunting is essential. You have to offer to your readers something unconventional, different, uncommon. In this way your blog has the chance to be unusual and different from the rest and you have more chances of being noticed by the most influential people of the fashion industry.

Do you collaborate with any emerging brand? Which are the most interesting in your opinion?
Thanks to my blog I had the big opportunity to work with a lot of emerging designers. I found out fresh and innovative realities, full of interesting ideas. Most of designers I met or worked with have participated in Who’s on next competition, Alta Roma or Pitti Immagine Uomo, so I think I’m very lucky. Among them, my favourite designers are Barbara Casasola, San Andrès Milano, About me Jewels by Chiara Elisa Vignato (they are so famous right now) and greta tee by Greta Taddeolini, that that is no longer just a fashion designer, but also a friend and we have big projects together… fingers crossed and stay tuned!

You are one of the first bloggers admitted to PashionVictim, which are your expectations? Why do you want to be part of PashionVictim?
I’m so happy and excited to be a part of the project and I’m ready for every kind of experience. I’ve decided to be a part of PashionVictim because I think is a great opportunity to meet and know many different emerging designers all over the world and to work with them. For me, young and upcoming designers are the new lifeblood of the fashion industry, the change, the boost of energy we need. It’s simply great to have the chance to know them and to introduce their collections to my readers!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...